bivacco testa da cavlera

Arriviamo in località Masù (m. 1185) dove alla sinistra troviamo una targa posta dal GAV, in occasione della riapertura del sentiero nel 1973, a Alla destra un cartello indica il "Funtanì de Gàernai" la cui acqua esce da un tubicino arancione protetto da alcune transenne. Da entrambi i lati del torrente vediamo alcuni cassottelli. Il M. Secco e la sua anticima, dal p.so di Bliben con un 300 mm. Tra il biv. Qui incrociamo la stradina interdetta al traffico mentre di fronte a noi ne inizia un'altra. Camillo Rinaldi (tel. Troviamo tre spezzoni di tubo bianco infilati verticalmente a lato del sentiero. sent. Guadiamo il torrente agevolati da alcuni sassi su cui è possibile appoggiare gli scarponi. Il sentiero sale e gira a sinistra. passi in salita percorriamo un tratto in leggera discesa con una roccia alla destra. Alla destra oltre una protezione in ferro vediamo il torrente compiere alcuni salti e formare delle pozze. Su di un Infine salendo alcuni gradini raggiungiamo il bivacco. Il 530 pare portare in cielo... ci arrivero'. Su di un masso nel torrente vediamo una scultura bianca raffigurante il volto di Gesù. Data escursione: novembre 2005 - ottobre 2013, clicca qui per stampare questa pagina (solo testo). La Presolana dal p.so di Bliben, con un 300 mm. Passiamo tra due rocce e superiamo un rivolo che arriva dalla destra. Passiamo accanto alla statua di una madonnina (m. 1015). alpini Monte Cavlera al bivacco Testa passando per il monte Segredondo. Lasciamo una piccola grotta alla destra e poi torniamo ad attraversare il letto del torrente dapprima verso sinistra e poi verso destra. Superiamo un tratto in cui il sentiero è rinforzato con delle assi e in alcuni punti è un po' esposto. Riprendiamo a salire a zig-zag, poi il sentiero diventa abbastanza ripido (m. 980). Cavlera-bivacco Testa-Segredondo маршрут - Via Rezzo, Lombardia (Italia) dal parcheggio del rif. Alterniamo due tratti quasi in piano ad uno in salita con il torrente che scorre in basso a destra. Su di un cartello leggiamo "Stagno Abram". Tra gli alberi riprendiamo a salire poi con minore pendenza passiamo accanto ad cartello che segnala il pericolo di incendi. Riprendiamo a salire. Percorriamo un breve tratto in piano ignorando il sentierino che, quasi in verticale, sale a destra verso la vicina cima del Segretondo (m. 1555) sul Alla destra c'è una casa. Alla sinistra troviamo uno sbarramento parziale del torrente. Dopo un ampia curva a destra il sentiero si biforca (m. 845). Dopo pochi passi quasi in piano torniamo a salire tra alberelli (m. 1245). sentiero 517: Sedernel, Bivacco Testa. discesa. Il Bivacco Testa è situato al Passo di Pradaccio a cavallo tra la Valle Vertova e la Valle del Riso, sul versante sud del Monte Alben. Parcheggio festivo in Piazza Vittorio Veneto; in alternativa e nei giorni feriali a mt 150 in Via XI febbraio o il più ampio parcheggio della stazione a m 500. Il tutto in un percorso adatto a chiunque, anche ai meno esperti. Dopo un breve tratto quasi in piano e pochi passi in salita su fondo roccioso proseguiamo con alcuni saliscendi. Per pernottare al bivacco è necessario contattare il Sig. Non vi è alcuna garanzia sul grado di precisione o sulla correttezza delle coordinate, pertanto, chiunque riscontrasse delle anomalie, inesattezze, imprecisioni o altri problemi nei dati è gentilmente invitato a comunicarlo al CAI, che provvederà alla verifica della segnalazione. I segnavia indicano a destra il sentiero 529a per il Passo Bliben e una variante del sentiero 527 mentre diritto Variante 527. Si prosegue in continuo saliscendi - incrociando il sentiero 526 - fino al passo di Pradaccio, dove sorge il bivacco Testa. Saliamo ripidamente con alcuni zig-zag. Lasciato a destra un piccolo slargo, con un ponte passiamo alla destra del torrente. Attraversiamo il torrente dapprima verso destra e poi verso sinistra. La b.ta di Bliben alta vista dal passo stesso. Guadiamo il torrente verso destra. Da Piazza Vittorio Veneto (Vertova), si imbocca via monte Grappa che sale ripida fino a sfociare sulla carrabile per Cavlèra, vicino al monumento degli alpini. TM + © 2020 Vimeo, Inc. All rights reserved. Offizielle Internetseite von Sentiero 530: Vertova - Cavlera - Monte Alben. 13.586 quilòmetres - Moderat - per sergioadriana2002. Alla sinistra, guadando il torrente, si stacca una stradina segnalata da un cartello su di un albero: "I salcc". Un centinaio di metri più avanti troviamo sulla sinistra uno slargo per parcheggiare a fianco del Torrente Vertova (m. 480). In alto a sinistra vediamo un torrione. Al primo tornante si incontra di nuovo la mulattiera fino ad un bivio della strada, dove è situata una fontanella (Albe). Lasciamo poi alla sinistra uno slargo dove ci sono una tettoia e un'altalena (m. 1165). Ora il sentiero sale ripido sulla sinistra nel bosco ed in breve giunge ai prati della Crus de Grom, vero belvedere su tutta la valle e sulle Orobie. Continuiamo in discesa superando due curve destra-sinistra. Una notturna epica, di durata, dove serve un forte temperamento ed allenamento per poterla realizzare. Lasciata a destra una casa, continuiamo con bella vista alla sinistra sulla vallata (m. 1130). indicano: proprietà privata, strada pericolosa, divieto di transito. Si prosegue su carrareccia e poi su sentiero fra i prati fino alla località Masù (lapide a ricordo dei soci del GAV), dove entra nel bosco e quindi sale fino al passo di Blìben. Testa, Monte Alben. Alla destra sale un sentiero. Passiamo accanto a una costruzione in lamiera e iniziamo a salire ripidamente tra spuntoni di roccia. Al piano superiore c'è un locale contenente: un camino, della legna da ardere, un fornello, una stufa economica, un tavolo, delle panche e un mobile con delle stoviglie. Dopo un tratto in salita proseguiamo quasi in piano. In leggera salita seguiamo il torrente che compie alcuni piccoli salti. La baita di Bliben alta vista dal passo di Bliben. Passiamo tra alcuni massi e cominciamo a vedere in alto il bivacco. Passeggiata dal rifugio degli Alpini al monte Cavlera, dove c'è un comodo parcheggio auto, verso il bivacco Dante Testa. Il sentiero ora si divide: a sinistra viene segnalato Sedernel e diritto il Bivacco Testa. M. Alben, il regno del calcare: torrioni che paiono demoni, gnomi, troll. Tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera, Da Bondo di Colzate-Vertova bella, lunga salita al Bivacco Testa, Subito dopo alla destra ci sono una casa, una croce ed una madonnina. Alla destra ci sono ancora delle protezioni che dopo due pali sono interrotte da un masso e poi, quasi in piano, continuano. Guadiamo il torrente verso destra passando accanto ad una pozza (m. 800). Camminando su sei cubi in cemento è possibile passare alla destra del torrente. Hike routes can be mapped or uploaded from GPS devices. Alla sinistra ci sono dei paletti di ferro. Seguendo la traccia scendiamo fino ad una sella con vista panoramica verso la Val del Riso e i monti Menna, Grem, Arera, Secco fino alla Presolana. Ora scendiamo, inizialmente con poca pendenza, e con alcuni zig-zag torniamo al livello del torrente dove troviamo una panchina con inciso: "Corpo Guadiamo il torrente verso destra agevolati da una serie di 28 cubetti di cemento o pietre e accompagnati da da una protezione in ferro alla destra. Continuiamo con pochissima pendenza mentre vediamo il torrente compiere alcuni saltelli. Continuiamo dapprima in salita e poi con minore pendenza con vista sul torrente sottostante. In modo abbastanza ripido arriviamo ad un bivio (m. 655) dove i segnavia indicano a sinistra: Forcella Barbata 525a; a destra: 527. Al passo dei Campelli l'incrocio 530-525. Find the best trails in Via Rezzo, Lombardia (Italy). Un segnavia indica sulla destra il sentiero 526 che scende verso il Bivacco Plana. 035 714877) del G.A.V. Continuiamo quasi in piano superando altre due curve destra-sinistra. Terms of use | Your privacy. per la val Gerona/Sant. sono due cartelli in legno sul quali leggiamo: Loc.tà Das (il pezzo a destra è mancante), GAV, sentiero 530, Bivacco Testa. Scegliamo in una zona vicina, ma mai frequentata da nessuno dei due, la Val Vertova; cartina alla mano optiamo per le Cime Tisa e Cavlera, con eventuale prolungamento fino al Bivacco Testa. cemento. Su di un albero ci Passiamo in un intaglio tra due rocce oltre il quale alla sinistra c'è un corto muretto in cemento. Una freccia rossa su un masso indica la nostra direzione di marcia. Alla destra sale una traccia di sentiero all'inizio del quale c'è un cartello illeggibile (m. 600). Lasciamo poi alla destra una casa con stalla e una fontana. In salita attraversiamo un piccolo bosco di faggi oltre il quale sbuchiamo in un prato dove vediamo vari bolli bianco rossi seguendo i quali proseguiamo diritto (m. 1285). Poi riprendiamo il sentiero che si stacca alla destra tra gli alberi. Su di un albero vediamo un segnavia a bandierina. Ci spostiamo un po' a destra e poi, tornati in direzione della baita, la raggiungiamo (m. 1210). Poi pieghiamo a sinistra percorrendo un tratto incassato e con il fondo roccioso. Proseguiamo in leggera salita con il sentiero segnato con picchetti dipinti in alto di rosso. Bivacco Dante Testa gestito dal GAV Vertova. Discover the most beautiful places, download GPS tracks and follow the top routes itinerary on a map. Dal p.so dei Campelli diparte il sent. Alla sinistra troviamo una sorgente la cui acqua esce tramite un tubicino di acciaio (m. 560). La Cima Campelli sulla dx. Ora alla sinistra c'è una solida protezione in legno. 519; a destra con il Usciamo dal bosco e continuiamo a scendere tra erba e qualche albero fino ad arrivare in località Dasla (m. 1110). Il sentiero si biforca e i segnavia indicano a destra: Sedernel e il Bivacco Testa (m. 630). Percorriamo un tratto in leggera salita un po' incassato tra le pietre poi continuiamo quasi in piano. Tripudio di cime dai pressi del valico di Dasla. Superiamo un casotto per la caccia in lamiera e continuiamo in leggera discesa, a mezza costa lungo il versante prativo del monte. Il sentiero passa fra due baite ed entra in un boschetto di betulle e faggi e, continuando per verdi pascoli, giunge infine alla chiesa di Cavlèra, dove si raccorda con il sentiero 518. Continuiamo poi in piano, poco sotto la cresta situata alla nostra destra. Inizialmente alla sinistra c'è una rete. Proseguiamo con un fondo di pietre e cemento e su di una targa leggiamo: "C.V. Pr. Sulla strada asfaltata, torniamo indietro tra i prati, con una staccionata alla sinistra e alcune case in alto a destra, camminando dapprima quasi in piano e poi in leggera Poi ci infiliamo in un canalino roccioso e, agevolati da alcuni rudimentali gradini di pietra saliamo in modo abbastanza ripido tra le guglie (m. 1350). In questo punto ci sono varie canaline per lo scolo dell'acqua. Poi torniamo a salire con il fondo in cemento. Sul 530, 20' prima del biv. Più avanti camminiamo con delle pietre alla sinistra e alberi alla destra, mentre davanti vediamo le bastionate del Monte Alben che chiudono la vallata. Il tempo è buono, anche se il cielo è velato da nubi alte e sottili. E' una solida costruzione in pietra a due piani. Percorriamo due tornanti, sinistra-destra (m. 880). Il 530 tra il valico di Dasla e il p.so di Bliben. Subito dopo ignoriamo una stradina chiusa da un cavo che sale a sinistra. c'è la statua di una madonna. Si prosegue in continuo saliscendi - incrociando il sentiero 526 - fino al passo di Pradaccio, dove sorge il bivacco Testa. Un breve strappo, un falsopiano e poi si raggiunge un’erta salita che porta alla sella del M. Secretondo. Ed è questa prerogativa ad avere reso possibile lo sviluppo di specie animali e vegetali endemiche, cioè estranee al contesto naturalistico dei luoghi circostanti. You can add a comment or review this trail, © Wikiloc. Record your own trail from the Wikiloc app, upload the route and share it with the community. Raggiungiamo una radura all'inizio della quale troviamo una pozza recintata. chiave. No, eh? E' una solida costruzione in pietra a due piani. Questa strada non è più percorribile. Raggiungiamo un bel faggio cresciuto nel mezzo del sentiero e poco più avanti usciamo dal canalino (m. 1080). Raggiungiamo il Passo Bliben dove troviamo una madonnina e una panca (m. 1285). Please enable JavaScript to experience Vimeo in all of its glory. Subito dopo dalla sinistra rientra la stradina che si era staccata con un guado. Continuiamo con una curva a destra su fondo roccioso. Rifugio Alpini monte Cavlera gestito dal GAV Vertova. Nuovamente su sterrato, camminiamo con pochissima pendenza. M. Ferrante e M. Ferrantino dal passo di Bliben, con un tele. I segnavia indicano a sinistra: Val del Capèl, colleg. Subito dopo la stradina diventa sterrata e prosegue tra gli alberi. 20 dove presso una rotonda giriamo a sinistra ed entriamo in Vertova.

Ristorante Regina Margherita, Parcheggio San Donato Firenze, 19 Agosto Luna Nera Significato, Case In Affitto San Clemente, Caserta, Segni Della Presenza Dello Spirito Santo, I Miti Greci Per Ragazzi, Milo Nome Diffusione, Leone D'oro Menù Natale, Gn 32 23-33, Santi Cosma E Damiano Isernia,