papa niccolò v

Il pontefice nominò Penitenziere maggiore il cardinale Domenico Capranica. Pose termine allo scisma d'Occidente, ottenendo la rinuncia di Felice V (1449) e il riconoscimento dei Padri del Concilio di Basilea. Esso riprende il modello del viridarium e si ispira al Colosseo negli ordini architettonici sovrapposti e nel cornicione con fregio a mensole. Indice 1 Origini e … - Tommaso Parentucelli (forse Sarzana 1397 - Roma 1455). Niccolò V, al secolo Tomaso Parentucelli (in latino: Nicolaus V; Sarzana, 15 novembre 1397 – Roma, 24 marzo 1455), è stato il 208º papa della Chiesa cattolica dal 1447 alla morte. 203 e 204. Dottissimo umanista, abile diplomatico, fu vescovo di Bologna (1444), cardinale (1446); papa nel 1447. Anche il dono del Parato papale di Nicolò V alla chiesa di San Giovanni in Fivizzano è un'ulteriore dimostrazione di quanto il Papa Nicolò V fosse legato alla sua terra di nascita. L’origine La sua azione diplomatica, coronata dal successo, gli fece ottenere come ricompensa, al suo ritorno a Roma, il titolo di cardinale presbitero di Santa Susanna (dicembre 1446[4]). Ulteriore comprova della nascita fivizzanese è la lettera che il papa invia il 30 novembre 1450 a Cosimo de' Medici con la quale chiama Fivizzano " patrie nostre Lunensis"[34]. Insieme all'Albergati, Parentucelli fu inviato per conto dei papi Martino V ed Eugenio IV in viaggio diplomatico attraverso Germania, Francia e Inghilterra. In novembre Parentucelli venne nominato arcivescovo di Bologna al suo posto[3], ma a causa dei prolungati disordini che rendevano insicura la città, papa Eugenio IV lo trasferì in Germania. : IT\ICCU\RAV\0247984), Si guardi, a tal proposito, l'operato diplomatico di Piccolomini nella voce ", Esordi del colonialismo e azione della Chiesa, Africa: Rivista trimestrale di studi e documentazione dell'Istituto italiano per l'Africa e l'Oriente, fiu.edu – The Cardinals of the Holy Roman Church, "controverso" perché era stato accusato d'eresia mentre era al servizio di, «Ma nel "Momus"...è possibile riscontrare anche altri livelli di riflessione essenzialmente politica, sia sul piano di una critica più a largo raggio del modo di far politica di Niccolò, troppo votato allo sfarzo esteriore...», «la sua (quella di Pio II, n.d.a) fu salutata con grande entusiasmo dagli umanisti, certi di un ritorno ai tempi di Niccolò V, ma restarono delusi. Il piano di riassetto della città (il "piano nicolino"[6]) verteva essenzialmente su cinque punti fondamentali[26]: Dopo aver ripristinato le mura leonine[27] nonché quelle di Castel Sant'Angelo[14], il pontefice avviò i lavori per la costruzione di un nuovo acquedotto. Niccolò V era consapevole dell'importanza dell'approvvigionamento idrico della città: la fine della Roma antica veniva spesso spiegata con la distruzione dei suoi magnifici acquedotti, avvenuta del VI secolo da parte dei popoli barbari. – Termine presente in vecchi cataloghi di collezioni di gemme: non ha sign. This page was last edited on 7 April 2020, at 13:42. Papa Niccolò V durante il suo pontificato ha creato 11 cardinali nel corso di quattro distinti concistori[16]. L'acquedotto dell'"Aqua Virgo", originariamente costruito da Marco Vipsanio Agrippa nel I secolo a.C., venne restaurato. onychĭnus agg. Egli stesso fu uomo dalla vasta erudizione, e il suo amico Enea Silvio Piccolomini (il futuro Papa Pio II) disse di lui: "ciò che non sa è al di fuori del campo della conoscenza umana"[25]. L'intento era quello di ottenere una cittadella religiosa sul colle Vaticano, esterna alla città laica che aveva il suo fulcro attorno al Campidoglio. Condannato a morte, fu impiccato il 9 gennaio[31]. Concistori per la creazione di nuovi cardinali, La congiura repubblicana di Stefano Porcari, «L'Enciclopedia dei Papi riporta che il nome della madre era Andreola Tomei, e non Bosi.». – Padre. Niccolò non fu però l'unico umanista ad ascendere al soglio pontificio: l'amico Piccolomini diventerà, nel 1458, papa col nome di Pio II. In seguito alla caduta di Costantinopoli, Niccolò predicò una Crociata, e si impegnò a riconciliare le mutue animosità tra gli stati italiani, ma senza molto successo. L'8 gennaio 1454 pubblica la bolla Romanus Pontifex con cui benedice la colonizzazione delle nuove terre scoperte dagli europei e incoraggia la schiavitù degli abitanti "Saraceni e qualsiasi pagano e gli altri nemici di Cristo"[14]. in "Pier Carlo Vasoli e il suo Manoscritto", a cura di Pietro Tedeschi, trascriz. Papi de la Cexa catòlega • Lista dei Papi in ordine cronologico • Il concordato, che regolò i rapporti tra la Santa Sede e gli Asburgo, rimase in vigore fino al 1806. Dottissimo umanista, abile diplomatico, fu vescovo di Bologna (1444), cardinale (1446); papa nel 1447. Fino al suo pontificato, a Roma, i nuovi studi umanistici erano stati considerati come possibili fonti di scismi ed eresie, sospettati di un insano interesse verso il paganesimo. Con questo documento il pontefice intese imporre a tutti i regni cristiani il rispetto della precedenza accordata al monarca portoghese[13]. La madre fu Andreola Bosi[1][2] della Verrucola di Fivizzano. V, Nikolaus V. Papst, pape Nicolas V, Pope Nikolaus V, ‏papa Niccolò‏ V (en); Pope Nicholas V (war); Tommaso Parentucelli (br); Nicolaus Quintus, ניקולאוס ה-V, טומאזו פארנטוצ'לי (he), pope of catholic church from 1447 until 1455, Library of Congress authority ID: n85301589, Bibliothèque nationale de France ID: 124434672, Biblioteca Nacional de España ID: XX1048131, Nationale Thesaurus voor Auteurs ID: 07084335X, 9612 - Milano - Sant'Ambrogio - Facciata - Tomba Pier Candido Decembio (+ 1477) - Foto Giovanni Dall'Orto 25-Apr-2007.jpg, Biccherna 28, pittore senese, incoronazione di niccolò V, 1449.jpg, Bolla di niccolò V per la fondazione del convento dei minori osservanti di san niccolò, 1449.JPG, Fabrizio, alfonso e francesco boschi, personalità francescane, 1642, niccolò V.jpg, General biography; or, Lives, critical and historical, of the most eminent persons of all ages, countries, conditions, and professions, arranged according to alphabetical order (1818) (14577581430).jpg, Incomplete Papal Bulla (FindID 104543).jpg, LE PAPE NICOLAS V, EN 1449, SE FAIT OUVRIR LE CAVEAU DE SAINT FRANCOIS D'ASSISE.jpg, Medieval lead papal bulla (FindID 455196).jpg, Monti - osp s Giovanni insegna antica del Salvatore e del senato romano P1000756.jpg, Nicolaus V. Niccolò V, papa. Le fortune per il giovane sacerdote si accrebbero quando l'Albergati fu creato cardinale da papa Martino V nel 1426[4], evento che gli diede la possibilità di approfondire i suoi studi. Niccolò, al contrario, assunse il controverso Lorenzo Valla come notaio[17] e impiegò numerosi copisti e studiosi (Pier Candido Decembrio, Giovanni Tortelli, Giannozzo Manetti[18]), incaricandoli di effettuare la traduzione integrale in latino delle opere greche, sia pagane che cristiane[3], o di promuovere in senso lato la cultura umanistica. Il 24 maggio 1450, durante l'anno santo, Niccolò V canonizzò fra Bernardino da Siena (1380-1444)[15]. Ma i lavori a cui dedicò particolarmente la sua attenzione furono la ricostruzione del palazzo del Vaticano e della Basilica di San Pietro, dove si sarebbero concentrate le glorie rinate del papato. Da umanista di "professione", Pio II li guardava con occhio critico[22]. Non bisogna dimenticare che questi successi da parte di Niccolò furono favoriti dall'abilità diplomatica del suo legato presso la corte imperiale, Enea Silvio Piccolomini, col quale papa Niccolò aveva ristabilito ottimi rapporti dopo che il Piccolomini ebbe abbandonato il campo avversario[11]. 425 relazioni. – Tommaso Parentucelli nacque, con ogni probabilità, il 15 novembre 1397 a Sarzana, da Bartolomeo e da Andreola Tomei, di famiglie non secondarie della società della Lunigiana. «Fuggendo la peste che affliggeva Roma»[7], nel 1444 Parentucelli di Sarzana si trasferì nel territorio fabrianese, dove fondò istituti ed opere di carità, fra le quali un Monte di Pietà ed un Monte Frumentario. 1. A causa della brevità del suo pontificato, l'ambizioso progetto non poté essere portato a termine, però il pontefice fece convergere in città artisti di più scuole (soprattutto toscani e lombardi), che avevano in comune l'interesse per l'antichità e il fascino verso le vestigia romane, che contribuirono a determinare, in qualche modo, una certa omogeneità dei loro lavori[26]. La madre sposò in seconde nozze Tommaso Calandrini, da cui ebbe altri tre figli: ... Niccolò V Papa (Sarzana 1397-Roma 1455). Il Giubileo si dimostrò un successo: migliaia di cristiani provenienti da ogni parte d'Europa convennero a Roma, contribuendo al rimpinguamento delle casse papali[15]. Niccolò I, anche noto come san Niccolò Magno o papa Nicola I (Roma, 800 circa – Roma, 13 novembre 867), è stato papa della Chiesa cattolica dal 24 aprile 858 alla sua morte. La sua tomba è nelle Grotte vaticane. In un primo tempo Alfonso d’Aragona, ... Città del Lazio, capitale della Repubblica Italiana; capoluogo di regione e di provincia (Comune di 1307,7 km2 con 2.718.768 ab. - Tommaso Parentucelli (forse Sarzana 1397 - Roma 1455). Di antica famiglia romana, famoso oratore, dopo aver coperto cariche civili a Firenze, Bologna, Siena e Orvieto, animato da ideali repubblicani e imperiali, tradizionali nella pubblicistica cittadina romana (tipico il caso di Cola di Rienzo), nutriti dalla sua cultura ... Con riferimento al pontefice romano come sovrano temporale, lo Stato della Chiesa, governato dal papa fino al 1870. Tommaso Parentucelli, vescovo di Bologna (1444) e cardinale (1446), successe a Eugenio IV nel 1447, dopo una intensa carriera curiale che lo vide anche protagonista di importanti ambascerie in Inghilterra, in varie regioni italiane, a Basilea, ove si svolgeva ... NICCOLÒ V. - Tommaso Parentucelli nacque, con ogni probabilità, il 15 novembre 1397 a Sarzana, da Bartolomeo e Andreola Tomei, di famiglie non secondarie della società della Lunigiana. (he); Italiaans priester (1397-1455) (nl); 羅馬天主教會第208任教宗 (zh); pòppa (lij); 208. pápež katolíckej cirkvi (sk); pope of catholic church from 1447 until 1455 (en); 208° vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica (it); pontifik v letech 1447–1455 (cs); Հռոմի պապ (hy) Nicolas V, Papa Nicolas V, Papa Nicolás V (es); Papa Nicolau V (ca); Tommaso Parentucelli (de); Папа Рымскі Мікалай V (be); 尼克拉斯五世, 尼格勞五世, 教宗尼各老五世, 尼閣五世, 尼可拉五世, 尼古拉五世, 尼可拉斯五世, 尼古拉斯五世, 尼各勞五世 (zh); Nikolaus V (da); Nicolae al V-lea (ro); Nicolaus 05, Tommaso Parentucelli, Nikolaus V (sv); Микола V (uk); Nicholaus V, Thomas Parentucelli, Nicolaus PP. Il concordato, che regola i rapporti tra la Santa Sede e gli Asburgo, rimane in vigore fino al 1806. Il nuovo papa non protesse alcun artista [...] Si limitò ad assegnare diversi posti agli umanisti nel ricostituito collegio degli Abbreviatori della cancelleria pontificia, che dovevano compilare estratti di suppliche e abbozzi di lettere...», Un cupolone di testi. Gli otto anni del pontificato di Niccolò V furono importanti per la storia politica, scientifica e letteraria del mondo. Gli inviati bizantini si recarono fiduciosi presso le signorie italiane, ma tornarono dal papa senza aver concluso niente di concreto. The following 36 files are in this category, out of 36 total. Ne sono validi esempi: il vestibolo con volta a lacunari in calcestruzzo (ripresa dal Pantheon o dalla Basilica di Massenzio); nella loggetta del cortile principale, gli ordini sono sovrapposti e le semicolonne sono addossate sui pilastri come nel Colosseo o nel Teatro di Marcello[26]. Lo storico Pier Carlo Vasoli, nato a Fivizzano nel 1663, scrive nel suo manoscritto [33] «Ma per la nascita di Nicolò Quinto veramente Fivizanese, benché di padre da Sarzana, abbiamo noi informazione maggiore di ogni eccezione, che è l'autorità, e relazione di gravissimo scrittore, qual è Monsignor De Angelis nativo da Barga vicina a Fivizano 16 miglia; il quale nel suo accreditatissimo libro intitolato "De conclavi de Nicolao V", dice risolutamente "natus Fiviani". pappà) s. m. [voce onomatopeica del linguaggio infantile]. All structured data from the file and property namespaces is available under the. Il rinnovo del palazzo Apostolico ebbe una prima tappa nella decorazione della cappella privata del pontefice, la cappella Niccolina, alla quale lavorarono Beato Angelico et alii, tra cui Benozzo Gozzoli. Nacque nella Repubblica di Genova a Sarzana, dove suo padre Bartolomeo Parentucelli esercitava la professione di medico. Arrivò a pagare diecimila fiorini per la traduzione metrica di Omero. Tomaso studiò poi a Bologna, dove conobbe Leon Battista Alberti, e dove si laureò in teologia nel 1422, all'età di venticinque anni. Il padre morì quando Tomaso era ancora giovane. Fu con Niccolò V che le trasformazioni episodiche dei suoi predecessori assunsero una fisionomia organica, preparando il terreno agli ambiziosi sviluppi successivi. In vista del giubileo del 1450 vennero avviati numerosi lavori; gli introiti che garantirono le celebrazioni permisero di richiamare in città un gran numero di artisti anche molto diversi tra loro. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 15 nov 2020 alle 16:49. È voce fam. Papa Niccolò V, al secolo Tomaso Parentucelli Sarzana, è stato il 208º papa della Chiesa cattolica dal 1447 alla morte. Con la successiva bolla Romanus pontifex (8 gennaio 1455) Niccolò V, dopo aver ribadito il contenuto della Dum Diversas, dichiarò che l'autorizzazione a conquistare e a possedere territori in Africa fosse applicata anche anteriormente al 16 giugno 1452 e che tutti gli acquisti successivi verso sud sarebbero stati di proprietà esclusiva del re del Portogallo. Alla ricerca della Parola, Rimane testimonianza delle modifiche in alcuni affreschi del, Stefano Porcari in Enciclopedia Italiana (1935). Il neoeletto pontefice prese il nome di Niccolò in onore del suo benefattore, il cardinale Niccolò Albergati[4]. Il Papa avvertì amaramente questa catastrofe come un doppio colpo alla Cristianità e alla letteratura greca. Anzi più di Ventura de Rossi nobile Sarzanese, nel libro della vita di Nicolò Quinto a carte 20 asserisce il medesimo. Questi fu pertanto eletto Papa dopo soli due giorni, il 6 marzo. Il soggiorno fiorentino non fu soltanto utile per la sua carriera, ma anche per la sua crescita intellettuale. Nell'intraprendere queste opere Niccolò fu mosso "per rafforzare la debole fede del popolo con la grandezza di ciò che vede". Tomaso si distinse al Concilio di Ferrara-Firenze, sia nella fase "basileiense" (durante la quale si scagliò contro la fazione conciliarista ed entrando in contrasto con Enea Silvio Piccolomini[3]), sia durante i lavori che si svolsero a Firenze per la riunificazione della Chiesa di Roma con quella greca. del lat. Niccolò viene ricordato come un consolidatore del potere e dell'autorità papale e sostenitore del rafforzamento dell'universalismo romano. Un esempio paradigmatico del gusto sviluppatosi in quel periodo in architettura è palazzo Venezia, avviato nel 1455 inglobando costruzioni preesistenti. - Tommaso Parentucelli, nato probabilmente a Sarzana il 15 novembre 1397. Nel 1450 il papa sarzanese ordinò a Giorgio di Trebisonda che fosse tradotto dall'originale greco (secondo l'uso umanista, senza farsi influenzare dalla tradizione araba) l'Almagesto di Claudio Tolomeo. Niccolò annunciò l'apertura dell'anno santo il 4 settembre del 1449[9], in segno di felicità per l'unità ritrovata con gli scismatici di Basilea. Nel 1451, Niccolò V con lungimirante decisione, costituì una consistente raccolta di codici (1200 codici di autori classici al momento della sua morte[23][24]) che divenne il primo nucleo della futura Biblioteca apostolica vaticana e costituendo il Collegio degli Abbreviatori, consesso di umanisti volti a collaborare col Pontefice nella stesura di bolle, documenti e altri atti legati al governo della Chiesa. Trasferitosi a Firenze nel 1415, divenne precettore nelle famiglie Strozzi e Albizzi, dove fece la conoscenza dei principali studiosi umanisti e dove rimase fino al 1419[3]. Nel Medioevo i romani dipendevano per la fornitura d'acqua da pozzi e cisterne, mentre i poveri sfruttavano le acque del Tevere. Sembra, a detta dello storico fivizzanese, che fosse usanza nel medioevo andare a partorire presso la casa dei genitori e da qui le testimonianze a comprova. Giunto in segreto a Roma nei primi giorni del gennaio 1453 (era stato già esiliato nel 1447 dal neoeletto Niccolò V per le sue idee rivoluzionarie), il Porcari fu scoperto dagli informatori del Cardinale Bessarione[10]. (da); Nikola V. (sh); สมเด็จพระสันตะปาปานิโคลัสที่ 5 (th); Papa Nicolas V (ilo); Pópù Nicholas 5k (yo); Nicculò V (scn); Papa Nicolau V (pt); Papa Nicolas V (war); V. Nicholas (tr); Paus Nikolas V (id); Mikalojus V (lt); Nikolaj V. (sl); Nicolás V (tl); Mikuláš V. (cs); Nicolaus V (sv); Pape Nicolau V (fur); Papa Nikolasi V (sw); Nikolas V.a (eu); Paus Nicolaas V (nl); Николай V (ru); نیکلاس پنجم (fa); Niccolò V (lij); 尼古拉五世 (zh-cn); Nicolao V (gl); Gáu-huòng Nicolaus 5-sié (cdo); Πάπας Νικόλαος Ε΄ (el); Pápa Nioclás V (ga) 208° Papa de la Iglesia Católica (es); pape de l’Église catholique romaine (fr); papa (hr); папа римский (ru); Papst der katholischen Kirche 1447-1455 (de); Romas pāvests no 1447. līdz 1455. gadam (lv); Papa ti Katoliko a Simbaan (ilo); papež (sl); Påve i romersk-katolska kyrkan (sv); papież (pl); האפיפיור ה-208, בין השנים 1447-1455. nel 2008). Il che concorda con il forte argumento, e circostanza d'esser qui nota Andriola sua madre della nobile famiglia Bosi....». Al papa non interessava l'omogeneità stilistica, infatti chiamò a lavorare per lui il Vivarini, Bartolomeo di Tommaso, Benedetto Bonfigli, Bernardo Rossellino (cui affidò il restauro completo della Basilica di Santo Stefano Rotondo al Celio), Andrea del Castagno, Piero della Francesca, un Luca detto "tedesco", forse Rogier van der Weyden, ecc. «di onice»]. Il pontefice stipulò con Federico III d'Asburgo il Concordato di Vienna (17 febbraio 1448[9]), tramite il quale vennero abrogati i decreti del Concilio di Basilea contrari alle prerogative papali per quanto concerneva la Germania. Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 78 (2013). il duca come ... Alleanza costituita a Venezia nel 1454, per iniziativa di Francesco Sforza, tra Venezia, Milano e Firenze; raccolse subito l’adesione del pontefice Niccolò V. Mirava a consolidare i risultati della Pace di Lodi, che aveva posto fine alla guerra fra Venezia e Milano. Il successo della politica pontificia nei confronti della Germania fu confermato dall'incoronazione di Federico III, a Roma il 16 marzo 1452[10], avvenuta mentre l'imperatore si trovava a Siena per sposare Eleonora del Portogallo. Pose termine allo scisma d'Occidente, ottenendo la rinuncia di Felice V (1449) e il riconoscimento dei Padri del Concilio di Basilea. Niccolò V papa. ident. Lo Stato Pontificio, Stato nacque da una base costituita dalla sovrapposizione del Patrimonio di S. Pietro (➔) sul ducatus bizantino. A questo progetto si legava indissolubilmente quello di esaltare la potenza della Chiesa, dimostrando inequivocabilmente la continuità tra Roma imperiale e Roma cristiana[26]. La caduta di Costantinopoli, insieme alla congiura per rovesciarlo, pesarono sugli ultimi anni di pontificato di Niccolò V, che ebbe a dire: "Come Tomaso di Sarzana, ho avuto più felicità in un giorno che ora in un anno intero". "È una seconda morte," scrisse Piccolomini, "per Omero e Platone"[12]. La presenza di Leon Battista Alberti, sebbene non direttamente collegabile a cantieri effettivi (verso i quali si dimostrò molto critico), fu importante per ribadire il valore del retaggio della Roma antica e il suo collegamento col papato. Per reperire i materiali da costruzione, Niccolò non esitò a spogliare le costruzioni di Roma antica, asportando, per esempio, le decorazioni dalla basilica di Nettuno. Niccolò V, al secolo Tommaso Parentucelli in latino: Nicolaus V (Sarzana, 15 novembre 1397; † Roma, 24 marzo 1455) è stato il 208º vescovo di Roma e papa italiano dal 1447 alla morte. univoco, e spesso è stato usato come sinon. La committenza papale esercitò un'azione di amalgama ancora più forte in pittura, dove la tradizione non forniva modelli vincolanti. Files are available under licenses specified on their description page. Agli inviati di Costantino XI Paleologo, giunti a Roma nel 1452 per chiedere aiuto, egli pertanto aveva dichiarato in modo «chiaro ed aperto» che quanto possedeva in oro, navi e uomini, era a disposizione dell'imperatore, ma gli consigliava altresì di cercare aiuto anche presso altri principi italiani. Nel 1452 dedico a Niccolò V il trattato De re aedificatoria, dove venivano teorizzate le basi per il riutilizzo della lezione degli antichi, attualizzata con un rigoroso recupero anche di elementi derivati dalla tradizione medievale[26]. Niccolò morì il 24 marzo 1455, afflitto dalla gotta[32]. Questo pontefice è stato rappresentato come il prototipo del papa-umanista. Niccolò V nel 6. pop. From Wikimedia Commons, the free media repository, Nicolás V (es); Pope Nicholas V (en-gb); Николай V (bg); Papa Nicolae al V-lea (ro); 尼閣五世 (zh-hk); Mikuláš V. (sk); Миколай V (uk); 尼閣五世 (zh-hant); Papo Nikolaus la 5ma (io); Nikolaus V. (gsw); 교황 니콜라오 5세 (ko); Nikolao la 5-a (eo); Папа Никола V (mk); Nicolas V (fr); Paus Nikolas V (jv); Nikola V. (hr); पोप निकोलस पाचवा (mr); Giáo hoàng Nicôla V (vi); Nikolajs V (lv); Pous Nicolaas V (af); Папа Никола V (sr); Papa Nicolau V (pt-br); 尼古拉五世 (zh-sg); Kàu-hông Nicolaus 5-sè (nan); Nikolas V (nb); Nicholas V (en); نقولا الخامس (ar); Nikolaz V (br); 尼閣五世 (yue); V. Miklós pápa (hu); Kau-fòng Nicolaus 5-sṳ (hak); Nicolau V (ca); Nikolaus V. (de-ch); Nikolaus V. (de); Мікалай V, Папа Рымскі (be); Նիկողայոս V (hy); 尼各老五世 (zh); Papa Nîkolaws V (ku); ნიკოლოზ V (ka); ニコラウス5世 (ja); نقولا الخامس (arz); ניקולאוס החמישי (he); Nicolaus V (la); 尼各老五世 (wuu); Nikolaus V (fi); Pope Nicholas V (en-ca); Papa Niccolò V (vec); 尼古拉五世 (zh-hans); papa Niccolò V (it); 尼閣五世 (zh-tw); Papa Nikolla V (sq); Mikołaj V (pl); Nicolaus V (et); Pave Nikolaus 5. Con il suo generoso patronato, Niccolò impresse un decisivo sviluppo all'Umanesimo. - Tommaso Parentucelli (forse Sarzana 1397 - Roma 1455). Nel progetto del cortile del Palazzetto (del quale non si conosce l'autore) si trovano elementi ripresi dall'architettura romana, combinati però senza rigore filologico, privilegiando la funzionalità all'aderenza rigida al modello.

Champagne A 10 Euro, Festività In Estate, Il Colosseo Riassunto In Inglese, Auguri Filippo Buon Compleanno, Corona Light Material,