significato nome melissa wikipedia

Melissa fu incaricata di allevare il dio Zeus fanciullo, nascosto sul monte Ida dalla madre Rea per sfuggire al padre Crono, il quale divorava tutti i suoi figli neonati per evitare di essere spodestato da uno di loro, come aveva predetto un oracolo. Line: 478 Lunghezza del peduncolo: 2 – 4 mm. Riproduzione: la fecondazione avviene fondamentalmente tramite l'impollinazione dei fiori (vedi sopra). Origine : italien. Melissa ebbe il compito di nutrirlo con il miele, mentre la capra Amaltea lo allattava. Dizionario etimologico-scientifico delle voci italiane di greca origine, Santi e fanti - Dizionario dei nomi di persona, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Melissa_(nome)&oldid=115296506, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Voci presenti nell'enciclopedia su persone di nome ", Melissa Burke è un personaggio della serie televisiva, Melissa Chas' è un personaggio della serie televisiva. Function: view, File: /home/ah0ejbmyowku/public_html/index.php Melissa è una ninfa della mitologia greca. La melissa in altre lingue è chiamata nei seguenti modi: Catalogazione floristica - Università di Udine, Lo spirito di melissa viene citato come medicamento contro gli svenimenti anche nella, Alta val Trebbia - Piante ed erbe medicinali, "Le piante medicinali", di Roberto Michele Suozzi, Newton&Compton, Roma, 1994, pag.79, Botanica Sistematica – Un approccio filogenetico, A Synoptical Classification of the Lamiales. Per la presenza di sostanze aromatiche, molte specie di questa famiglia sono usate in cucina come condimento, in profumeria, liquoreria e farmacia. La forma è più o meno ovoidale. La melissa vera (nome scientifico Melissa officinalis L., 1753) è una piccola pianta perenne erbacea aromatica dai delicati fiori labiati appartenente alla famiglia delle Lamiacee. I margini sono provvisti di 6 - 14 denti arrotondati per lato. È inoltre ottenibile un olio essenziale contenente citrale, citronellale e cariofillene. [10], L'altezza di queste piante varia da (3) 5 a 8 dm. La famiglia è suddivisa in 7 sottofamiglie: il genere Melissa è descritto nella tribù Mentheae (sottotribù Salviinae) appartenente alla sottofamiglia Nepetoideae. Di seguito vengono descritte brevemente queste varietà. [7][8], Il nome scientifico della specie è stato definito da Linneo (1707–1778) nella pubblicazione "Species Plantarum - 2: 592. In inglese il nome è comunemente in uso dal XVIII secolo[5]; la sua diffusione in Italia è molto recente: secondo dati raccolti negli anni 1970, le donne così chiamate, sparse nel Nord del paese, non raggiungevano il centinaio[1]. Per la famiglia di queste piante viene indicata la seguente. Specie presenti nell'associazione: Clematis vitalba, Arundo donax, Spartium junceum, Asparagus acutifolius, Arundo plinii, Arundo donax, Phragmites australis, Rubus ulmifolius, Urtica dioica, Rubia peregrina. Melissa è un nome proprio di persona italiano femminile[1][2][3][4]. Dispersione: i semi cadendo a terra (dopo essere stati trasportati per alcuni metri dal vento –, Distribuzione altitudinale: sui rilievi queste piante si possono trovare fino a 1000/2000, Formazione: delle comunità perenni nitrofile, Descrizione: queste piante sono alte da 4 a 15 dm; l'odore è sgradevole; la villosità è più densa; la base delle foglie è troncata o cordata; il colore delle foglie nella parte, Distribuzione: in Italia è una sottospecie comune e si trova dal Centro verso il Sud. [6] Il nome specifico (officinalis) indica una pianta curativa o supposta medicinale. Questo genere di pianta viene coltivata anche industrialmente: infatti, le foglie e i fiori freschi vengono raccolti due volte l'anno e distillati; il prodotto ottenuto è l'essenza di melissa che viene usata oltre che in profumeria anche nella preparazione di distillati come l'arquebuse, o di liquori come l'assenzio, la chartreuse o L'Ugo - Liquore di Melissa. I fiori, a volte unilaterali, sono sottesi da bratteole a forma lanceolata e contorno intero. La distribuzione di questa alleanza è relativa all'Italia centro-meridionale e in generale all'area mediterranea europea.[23]. Fête : 21 septembre. Gli spigoli dei rami sono ricoperti da setole patenti lunghe 6 – 13 mm. [25], Non c'è unanimità nella definizione delle varie sottospecie di Melissa officinalis tra i vari Autori. Deriva da un vocabolo greco antico, attestato in dialetto ionico come μέλισσα (mélissa) e in dialetto attico come μέλιττα (melitta), a sua volta derivato da μέλι (méli, "miele", da cui anche Pamela, Melita e Mellito); il suo significato è "colei che fa il miele", ossia "ape" (lo stesso del nome Debora), sebbene vada notato che il termine era usato anche per indicare le sacerdotesse pagane, in particolare quelle di Delfi . melissa, melissa vera, cedronella, erba limona, citraggine, appiastro, erba cedrata[1], La melissa vera (nome scientifico Melissa officinalis L., 1753) è una piccola pianta perenne erbacea aromatica dai delicati fiori labiati appartenente alla famiglia delle Lamiacee. The Families and Genera of Vascular Plants, Volume VII. La semina avviene in primavera direttamente all'aperto. Le radici sono secondarie da rizoma. I semi sono sprovvisti di endosperma. [2][28], Questa entità ha avuto nel tempo diverse nomenclature. Lunghezza dei fiori: 8 – 15 mm. Lunghezza del picciolo: 2 – 3 cm. La parte aerea del fusto è eretta e ampiamente ramosa. Donnez une note à ce prénom : Tout le classement des prénoms. Ai nodi le setole formano dei ciuffi biancastri. Nel resto dell'Europa si trova nella penisola, Distribuzione altitudinale: sui rilievi queste piante si possono trovare fino a 800, Note: i caratteri variabili sono probabilmente dovuti ad un caso di. Il frutto è un tetrachenio (composto da quattro nucule) racchiuso nel calice persistente. Function: _error_handler, Message: Invalid argument supplied for foreach(), File: /home/ah0ejbmyowku/public_html/application/views/user/popup_modal.php Altre alleanze per questa specie sono:[22]. Line: 315 Sono picciolate con lamina a forma ovata e base ottusa (cuneata nella zona dell'infiorescenza). Il resto della pianta è più o meno glabro, soprattutto alla base. Function: _error_handler, File: /home/ah0ejbmyowku/public_html/application/views/user/popup_harry_book.php La melissa è una buona pianta mellifera, ma non si riesce a produrre miele per la presenza solo sporadica della pianta, sia coltivata sia selvatica. Si possono anche moltiplicare per divisione dei cespi interrando le piantine ad una distanza di circa 30 cm in modo che abbiano spazio sufficiente per crescere e infoltirsi; in questo periodo le piantine andranno annaffiate abbondantemente; solo quando le piantine avranno attecchito bene le annaffiature andranno ridotte in modo da non compromettere il contenuto aromatico delle piante. In fitoterapia, della melissa sono utilizzati soprattutto le foglie ma anche i fiori e gli steli. Lamiales. Nell'uso popolare, la melissa viene apprezzata come erba aromatica: le sue foglie fresche sono usate per insaporire molti cibi. Function: _error_handler, File: /home/ah0ejbmyowku/public_html/application/views/page/index.php An annotated checklist of the Italian Vascular Flora, http://www.theplantlist.org/tpl1.1/record/kew-124119, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Melissa_officinalis&oldid=115544466, Voci con modulo citazione e parametro coautori, Voci con modulo citazione e parametro pagina, Errori del modulo citazione - citazioni con URL nudi, Errori del modulo citazione - codice sbn errato, Voci non biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Formula fiorale. Etymologie : Abeille (grec). Curò anche Amaltea quando il dio le spezzò per errore un corno, che poi divenne la cornucopia. Signification du prénom Mélissa. La consistenza delle foglie è lievemente membranosa, sono inoltre cosparse di cellule oleifere; il loro aspetto ricorda molto la pianta dell'ortica e il profumo è simile a quello del limone. Melissa è una ninfa della mitologia greca. Function: _error_handler, File: /home/ah0ejbmyowku/public_html/application/views/page/index.php In cucina è utilizzata come erba aromatica e officinale per insaporire diversi piatti, è apprezzato l'odore di limone che emana strofinando le foglie. Deriva da un vocabolo greco antico, attestato in dialetto ionico come μέλισσα (mélissa) e in dialetto attico come μέλιττα (melitta), a sua volta derivato da μέλι (méli, "miele", da cui anche Pamela, Melita e Mellito); il suo significato è "colei che fa il miele", ossia "ape"[1][2][3][4][5][6][7] (lo stesso del nome Debora), sebbene vada notato che il termine era usato anche per indicare le sacerdotesse pagane, in particolare quelle di Delfi[1][4][6]. Le parti usate sono soprattutto le foglie, ma anche i fiori e gli steli, raccolti subito prima o durante la fioritura. [32], Viene controindicata per i soggetti affetti da glaucoma e che soffrono di ipotiroidismo. altissima (Sm.) Negli estratti della pianta sono rintracciabili: triterpeni, acido caffeico, acido rosmarinico e vari flavonoidi (luteolina, quercetina, apigenina, campferolo). Il suo nome è collegato al termine méli ("miele") e mélissa ha il significato di "produttrice di miele", ossia di ape. Line: 24 Il nome è stato usato da diversi scrittori: Ludovico Ariosto lo diede alla fata che assiste Rogero nell'Orlando Furioso[5][7], e il nome appare di conseguenza ne La principessa di Alfred Tennyson e nella Princess Ida di Gilbert e Sullivan, entrambi ispirati a tale opera[7]. Il colore delle foglie è verde intenso nella parte superiore e verde chiaro nella parte inferiore. Il nome è presente nella mitologia greca con la figura di Melissa, una ninfa a cui Rea affidò il figlio Zeus neonato, considerata l'iniziatrice dell'apicoltura[2][3][5]. Non sono noti studi clinici controllati in donne in gravidanza e allattamento in conformità con la prassi medica generale, il prodotto non deve essere utilizzato senza prima aver sentito il parere del medico. Line: 479 Il nome è adespota, non essendo stato portato da alcuna santa. Il rizoma normalmente è orizzontale. Genre : féminin,fille. Function: require_once, Message: Undefined variable: user_membership, File: /home/ah0ejbmyowku/public_html/application/views/user/popup_modal.php Le foglie inferiori sono più cuoriformi. Infatti, conosciuta fin dal Medioevo per le sue proprietà antiisteriche e sedative, è capace di curare disturbi gastrici e nausee da ipereccitabilità, amenorree e dismenoree di origine psichica"[31]. (Guida Bibliografica ai più noti fitoterapici, Aboca 1999/2010). [2], Il nome generico (Melissa, dal greco antico: μέλισσα, mélissa, «ape») secondo la mitologia fa riferimento ad una ninfa che avrebbe inventato l'arte dell'apicoltura.[3][4]. Line: 192 1753"[9] del 1753. Le infiorescenze è formata da verticillastri più o meno distanziati composti da 2 - 14 fiori peduncolati all'ascella di foglie normali. En anglais meaning of name Mélissa. Pignatti nella "Flora d'Italia" descrive una Melissa romana Miller che in altre checklist[26] è considerata sinonimo di M. officinalis e in altre ancora[27] sinonimo della sottospecie Melissa officinalis subsp. File: /home/ah0ejbmyowku/public_html/application/views/user/popup_modal.php Arcang., 1894. Line: 107 [11][24] Nelle classificazioni più vecchie la famiglia Lamiaceae viene chiamata Labiatae. Il numero cromosomico di M. officinalis è: 2n = 32 e 64. I fiori sono ermafroditi, zigomorfi, tetraciclici (con i quattro verticilli fondamentali delle Angiosperme: calice– corolla – androceo – gineceo) e pentameri (ogni verticillo ha 5 elementi). En espagnol significado del nombre Mélissa. "Secondo la teoria delle signature la Melissa è pianta di Venere per eccellenza, cioè pianta medicinale per i disturbi femminili. Function: view, File: /home/ah0ejbmyowku/public_html/application/controllers/Main.php Dal punto di vista fitosociologico alpino la specie di questa scheda appartiene alla seguente comunità vegetale:[21], Per l'areale completo italiano la specie di questa voce appartiene alla seguente comunità vegetale:[22], Descrizione: l'alleanza Arundo plinii-Rubion ulmifolii è relativa alle comunità dominate dalla specie Rubus ulmifolius e si sviluppa su terreni a varia ritenzione idrica. Una zona parzialmente ombrosa è preferita. Dimensione della lamina delle bratteole: larghezza 1,5 – 2 mm; lunghezza 3 – 7 mm. I fiori hanno un portamento nutante. La melissa si può facilmente coltivare in giardino con un qualsiasi tipo di terreno, i risultati saranno migliori se il terreno sarà fresco e leggero. Etimologia. La forma biologica è emicriptofita scaposa (H scap), ossia in generale sono piante erbacee, a ciclo biologico perenne, con gemme svernanti al livello del suolo e protette dalla lettiera o dalla neve e sono dotate di un asse fiorale eretto e spesso privo di foglie. Function: view, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Melissa_(mitologia)&oldid=90507872. Si tratta di comunità con gradienti ecologici diversi in riferimento alla condizione idrica dei substrati. La superficie è sparsamente pelosa. Line: 208 La famiglia di appartenenza della specie (Lamiaceae), molto numerosa con circa 250 generi e quasi 7000 specie[14], ha il principale centro di differenziazione nel bacino del Mediterraneo e sono piante per lo più xerofile (in Brasile sono presenti anche specie arboree). I fusti sono a sezione quadrangolare (a causa della presenza di fasci di collenchima posti nei quattro vertici). Line: 68 Dimensione della lamina della foglie: larghezza 3 – 4 cm; lunghezza 4 – 5 cm. Il suo nome è collegato al termine méli ("miele") e mélissa ha il significato di "produttrice di miele", ossia di ape. Tutte le parti di queste piante hanno un gradevole odore di limone e bergamotto.[6][11][12][13][14][15][16][17]. La disposizione delle foglie lungo il fusto è opposta a 2 a 2 e ogni coppia è disposta a 90° rispetto a quella sottostante. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 3 set 2020 alle 09:58. Secondo un altro mito eziologico greco Melissa fu amata dal dio Apollo, che trascurò per lei il suo compito di guidare il carro del sole, e fu quindi trasformata in ape. L'onomastico può essere festeggiato il 1º novembre per la festa di Ognissanti. [5] Joseph Pitton de Tournefort, un botanico francese, è stato il primo a nominare queste piante . È stata largamente utilizzata nei secoli scorsi, in preparazioni specialistiche quali, per esempio, lo spirito di melissa[29], detto "acqua antiisterica" perché particolarmente utile per calmare il nervosismo nelle giovani donne[30]. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 16 set 2020 alle 13:02. Attualmente la Melissa officinalis viene impiegata come sedativo negli stati d'ansia con somatizzazioni viscerali ed irrequietezza ed anche in patologie dispeptiche gastroenteriche grazie alla sua azione spasmolitica e nella cura dell'emicrania. L'elenco seguente indica alcuni tra i sinonimi più frequenti:[2], Melissa officinalis è nota per le sue proprietà medicamentose ed è molto apprezzata anche come erba aromatica e per la preparazione di infusi dissetanti dal sapore di agrumi (che è valso il nome di "cedronella"). [16] La conservazione della melissa viene fatta tagliando la pianta quando è ancora in fiore: si legano i rami in piccoli fasci e si appendono ad essiccare in un locale fresco e asciutto.

Tre Galline, Torino Menù, Rito Santa Marta Dominadora Funziona, Parcheggio Villa Cimbrone, Tende Ikea Da Esterno, Inps Reggio Emilia, Imma Tataranni 2020 Replica, Villaggi Santa Maria Di Castellabate Pensione Completa, Che Cosa Successe Lungo Le Sponde Dello Iabbok, Rosy Abate 3, Silvia Motta Immagini,